Siamo anche su

2010 - Ragazzi a pesca

Ecco gli scatti dell'edizione 2010 di Ragazzi a pesca!
Nella pagina sono presenti solo alcune delle tante foto, clicca i link in basso per scaricarle tutte in formato zip.

Vogliamo riportare qui di seguito, un articolo inviatoci da una turista presente alla manifestazione, che siamo onorati di presentare.

Una distesa di cappellini bianchi

di Alga Madìa

Una distesa di cappellini bianchi. Ma quanti sono, mi domando. Tanto vociare e loro, i ragazzi, che pian piano prendono posto. Mi trovo alla premiazione della finale di Ragazzi a pesca, una manifestazione arrivata ormai alla sua dodicesima edizione e che vede sempre più crescere il numero dei partecipanti. Tutti ragazzi, ma anche bambini, che con in mano canna ed esche si accingono a sfidarsi per pescare il maggior numero di pesci, appunto. Ma è solo un gioco per loro: ridono, scherzano e non fanno caso al sole che picchia forte sulle loro visiere. Vincono tutti, tutti premiati i 150 ragazzi in gara anche quest’anno. Una gara che si è dovuta svolgere, dato il successo di questa oramai ultra popolare manifestazione, in due giornate diverse. 75 ragazzi un giorno e altri 75 ragazzi il giorno dopo. Hanno pescato da 0 grammi, quindi nessun pesce a pesciolini di 4 gr, 6 grammi, fino a 168 gr il peso totale raggiunto dal primo classificato della seconda tornata di gara. Tutti soddisfatti, bambini e ragazzi, organizzatori e sponsor. I genitori hanno risposto altrettanto calorosamente comprendendo appieno lo spirito vero della manifestazione creata proprio per i loro figli evitando sciocche rivalità e personalismi inutili fra bambini. Infatti, alla fine della giornata, come si dice, stanchi ma felici, i bambini proprio non davano peso alla classifica, piuttosto chiacchieravano e continuavano a giocare con lo stesso spirito che hanno avuto tutti durante la gara. Tutti, ma proprio tutti, hanno ricevuto gli stessi premi e quindi la rivalità fra loro era praticamente inesistente; solo, casomai, una sana competizione durante la gara che li ha visti impegnati fino allo scadere degli ultimi secondi a disposizione. Va detto, non certo come ultima cosa, che tutti i pesci pescati sono stati immediatamente pesati dal giudice di gara e altrettanto rapidamente rilasciati in acqua, dal giudice stesso. Ad Ennio Bravo, presidente del Circeo Fishing Club, il ringraziamento di tutti, anche di quanti per caso si sono trovati ad assistere ad uno spettacolo così particolarmente coinvolgente. Il suo impegno, insieme a quello di tutti gli altri soci, aiuta a credere che c’è ancora gente ricca di tanto entusiasmo pronta a trasmetterlo a bambini e ragazzi, anche se per un giorno soltanto, insieme ad un grande amore per il mare e per la pesca.